Il corpo delle donne



Alle forme della donna credo siano ispirati vari prodotti d'arte ed artigianato:  anfore e vasellami vari , in uso nell'antichità, a ben guardare sono stilizzazioni di forme femminili, così divinità antiche ed ancora, nell'antico e nel moderno, dipinti, sculture e via dicendo.
Il corpo della donna è un gran mistero, ricco di affascinanti richiami e coinvolto in fantasie di ogni tipo: può simbolizzare erotismo, protezione, affettività, bellezza, può rappresentare inquietudine, pericolo, ricchezza, fertilità, fragilità ed anche  magia, inganno, stregoneria.
Il fatto è che si tratta di qualcosa che rimane nella sua essenza più profonda inconoscibile per l'altro sesso, tanto quanto indispensabile all'altro sesso (fatte le debite eccezioni).
Il fatto è che capita che a qualcuno possa fare un pò paura ed è probabilmente per questo che molti cercano di acquisirne il controllo, anche solo nella propria mente, reificandolo semplicemente.
Voi potete usare il corpo? Voi potete usare un libro, uno sgabello o un paio d'occhiali, con il corpo il discorso è diverso:
 voi siete il vostro corpo. Il rapporto che avete con voi stessi può includere la consapevolezza dell'immagine che presentate all'esterno e del tipo di emozioni che questa immagine può suscitare negli altri. Questo dipende da chi siete voi e chi è l'altro, dal contesto, dai ruoli reciproci nella specifica situazione e da molte altre variabili, tra cui anche età e sesso vostri e degli altri.
Questo si chiama gestire un'immagine sociale.
Usare il corpo credo significhi altro e presuppone una scissione, una svalutazione, un rifiuto ed una esternalizzazione del corpo da usarsi come oggetto.
In sintesi un pessimo rapporto con sé stessi: il corpo non si ha, si è!
(E soprattutto non è nulla che riguardi la politica ...)

Commenti

Post popolari in questo blog

Verdure imbottite (ricetta)

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il racconto dei nonni (poesia)