Primarie PD



Non pare vero, ma Renzi non vuole rassegnarsi: ora sta usando il messaggio pubblicitario per mobilitare quante più persone è possibile sul voto di ballottaggio.
Ha inserito il link "www.domenicavoto.it" un pò dappertutto e sostiene di star facendo così opere di bene con la evidente e disinteressata  finalità di coinvolgere in un'ottica di partecipazione la base elettorale.
Nelle sue pubblicità suggerisce anche furbescamente le giustificazioni da produrre per la mancata registrazione entro i termini stabiliti dal regolamento: insomma un filantropo!
In realtà i numeri della prima votazione parlano chiaro: Renzi perde, chi vota il PD è di sinistra, giusto così, perché pare che esista una sinistra e una destra in Italia e uno sceglie la propria area ideologica.
Chi era interessato al destino della sinistra, riconoscendosi in quell'area ideologica, ha votato già, lo rifarà domenica e probabilmente con le stesse idee.

La domanda quindi è: allargando la base elettorale, chi cerca di coinvolgere Renzi?
Per chi si colloca a destra il messaggio di Renzi potrebbe significare: "meditate: meglio io che lui" (difatti è già stato benedetto da Berlusconi questo Renzi ...).
 Ma dico: visto che sono le primarie del PD è giusto che voti la gente del PD, gli altri che c'entrano?
Ora gli altri candidati Pierluigi Bersani, Bruno Tabacci, Laura Puppato e Nichi Vendola hanno presentato un esposto ai garanti per violazione del codice di comportamento: certo la violazione è palese, ma andando a cercare i cavilli, nessuno può dimostrare che Renzi solleciti il voto per sé ... e dopo poi, per tutte le domande che verranno rifiutate farà polemica e vorrà comunque proclamarsi vincitore, tant'è vero che la serietà e la dignità delle persone si misura nelle sconfitte, non nelle vittorie ... e ora abbiamo conosciuto quelle di Renzi!

Commenti

Post popolari in questo blog

Verdure imbottite (ricetta)

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il racconto dei nonni (poesia)