Le riforme istituzionali in mano a Berlusconi?

                                                                                                                                         29/04/2013


Tutti tessono lodi di questo nuovo governo per il "ricambio generazionale" e la consistente presenza di donne (ben 7 su 21): ma dico proprio tutti allineati, televisioni e giornali, che si premurano anche di farci sapere che gli accordi tra forze politiche distanti per ideologia e programmi sono all'ordine del giorno in altri paesi dell'Europa, a cominciare dalla economicamente vincente Germania, dove sembra che proprio un governo esteso a diversi partiti abbia partorito il fenomeno Merkel come primo ministro. Angela Merkel infatti è stata nominata primo cancelliere donna a capo di una grande coalizione composta dal suo partito (CDU) dal corrispondente partito bavarese e poi dalla Unione Cristiano Sociale (CSU) e dal Partito Socialdemocratico (SPD).
Allora, certo, ci siamo sentiti rassicurati .... persisteva ostinata,  tuttavia, una strana sensazione: come se qualcuno avesse voluto, come si suol dire, indorare la pillola e finalmente oggi si capisce da dove proveniva quella sensazione.
Berlusconi nella sua "telefonata" su canale 5 a Belpietro afferma a proposito della convenzione per le riforme istituzionali: 

"Nelle trattative per il governo si è indicato che il presidente sia indicato da noi" 
e Belpietro: "Sarà lei?"
"Immagino di sì"

Se questo è vero rassicuriamoci: le riforme istituzionali, la nuova Italia sono in mano a Berlusconi. 
Chissà potrebbero uscirne capolavori come l'attuale legge elettorale, ad esempio: di cosa dovremmo più preoccuparci, ormai?

Commenti

Post popolari in questo blog

Verdure imbottite (ricetta)

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il racconto dei nonni (poesia)