12 giugno: giornata mondiale contro il lavoro minorile

                                                                                                                12/06/2013

Si celebra oggi la giornata mondiale contro il lavoro minorile: secondo le Nazioni Unite sono infatti 10,5 milioni le bambine sfruttate per il lavoro domestico. Si tratta di minori che di fatto vengono venduti a famiglie che li sfruttano, spesso li maltrattano o addirittura ne abusano anche sessualmente: in tutti i casi questi bambini vengono discriminati e non trattati come membri della famiglia, di solito non frequentano neanche la scuola.
Nella rilevazione sono stati considerati bambini tra i 5 ed i 14 anni: circa il 71% sono bambine che restano isolate dalle loro famiglie di origine  ed invisibili al pubblico, perché recluse in casa.
Guy Ryder, il direttore generale della Organizzazione delle Nazioni Unite del lavoro (ILO) ha parlato oggi a Ginevra per celebrare la giornata mondiale contro il lavoro minorile: "non c'è nessun luogo e nessuna scusa per il lavoro minorile".
La ricorrenza inoltre è stata oggi ricordata anche dal papa Francesco, che non ha esitato a definire lo sfuttamento dei minore nel lavoro una vera "piaga" "un deprecabile fenomeno in costante aumento specie nei paesi poveri".
Il papa ha quindi esortato tutte le nazioni affinché vengano adottati provvedimenti sempre più efficaci mirati ad arginare ed eliminare il fenomeno.

OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola