2 Giugno: festa della Repubblica all'insegna del risparmio.

02/06/2013

Corazzieri a piedi e niente frecce tricolori nel cielo oggi per la cerimonia ufficiale della festa della Repubblica: costi contenuti quest'anno in un milione di euro per le parate militari, le bande e quant'altro.
Nel 2011 erano stati spesi 4 milioni e 400.000, insomma una festa sobria senza sfarzi ed esibizionismi, all'insegna dell'austerity e nel rispetto della condizione di difficoltà in cui versa lo stato sociale in Italia.

Si tratta del 67° anniversario dalla proclamazione della Repubblica: il presidente Napolitano questa mattina circa alle 9,00 ha deposto la corona sulla tomba del milite ignoto, all'altare della patria, poi verso le 10,00 si è spostato ai Fori Imperiali dove  ha assistito alla sfilata militare: rappresentate nella parata tutte le forze dell'ordine, l'esercito, le bande musicali dei  corpi armati e le crocerossine.
Con il presidente in tribuna  le massime autorità dello Stato: i presidenti di camera e senato, il premier e vicepremier, i ministri della difesa e della giustizia ed il capo della polizia.
La cerimonia si è conclusa alle 11,00. Il presidente ha espresso soddisfazione per l'organizzazione "impeccabile" ed ha dichiarato che la ricorrenza  rappresenta un momento di unione tra i cittadini e le istituzioni.


  OkNotizie

Commenti

  1. Non so se il mio possa essere considerato un pensiero di parte, visto che per anni ho partecipato attivamente in divisa agli anniversari della Festa della Repubblica, ma io credo che qualsiasi cifra sia sempre ben spesa per tenere alto il morale dei soldati italiani, e poi, sono soldi spesi in Italia... invece di sprecarli per tenere in piedi le banche europee che poi ce li riprestano con tassi d'interesse da usurai... :-)

    RispondiElimina
  2. Non so se il mio possa essere considerato un pensiero di parte, visto che per anni ho partecipato attivamente in divisa agli anniversari della Festa della Repubblica, ma io credo che qualsiasi cifra sia sempre ben spesa per tenere alto il morale dei soldati italiani, e poi, sono soldi spesi in Italia... invece di sprecarli per tenere in piedi le banche europee che poi ce li riprestano con tassi d'interesse da usurai... :-)

    RispondiElimina
  3. Lo so, ma vallo a spiegare a chi non può fare la spesa ... 3 milioni e mezzo sono una discreta cifretta: se ne possono fare di cose, poi dice che l'anno prossimo (forse) ce le fanno vedere le frecce .... mah?

    RispondiElimina
  4. Clara, io "purtroppo" sono convinto che con questi 3.500.000 euro risparmiati, il nostro "caro" governo non ci pensa nemmeno a tentare di risollevare in parte i propri concittadini bisognosi, ma, se li intascheranno loro... L'anno prossimo ce le faranno vedere sì le frecce, ma con gli archi quale armamento del nostro esercito, se andiamo avanti così... :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola