5 giugno: giornata mondiale dell'ambiente

         05/06/2013




Oggi è la giornata mondiale dell'ambiente: si celebra il 5 giugno come ricorrenza dal 1972, anno in cui appunto è stata proclamata la festività dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite.
Quest'anno l'attenzione è focalizzata principalmente sul consumo e sullo spreco di cibo: una situazione allo stato non accettabile, né sul piano etico, giacché, come ha detto il papa,  "il cibo che si butta via è come se fosse rubato dalla mensa di chi è povero" ed ancor meno sotto il profilo ecologico, considerato  ciò che si intende per consumo "sostenibile".

Circa un terzo dei prodotti alimentari vengono gettati via ogni anno, mentre costantemente soffrono e muoiono per fame e cause correlate circa 24.000 persone al giorno. In questo squilibrio vanno perdute enormi risorse, se sommiamo i costi delle malattie da denutrizione e di quelle da obesità con i costi di smaltimento dei rifiuti e l'eccessivo sfruttamento con conseguente inaridimento dei terreni ...

Quest'anno la festa più importante si svolgerà in Mongolia ed il motto è: "Thing, eat, save".
In realtà in Mongolia lo spreco di cibo è assai più limitato e la tendenza culturale del momento è riscoprire tutti gli antichi sistemi di conservazione e riciclo degli alimenti.

Naturalmente si vuole portare l'attenzione anche sull'inquinamento e le eccessive emissioni di anidride carbonica che causano dissesti ambientali in quanto incidono sul ciclo dell'acqua e quindi sulla fertilità dei terreni ed il livello dei mari.
Anche in questo campo si va ormai affermando con  gradualità una cultura che privilegia le energie rinnovabili, sebbene a questo punto (siamo ai livelli più alti di CO2 nell'aria da 3 milioni di anni ad oggi) potrebbe essere una corsa contro il tempo.


  OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola