Elogio della follia

24/06/2013



La mente della persona umana è una combinazione magica, unica in natura: complessa, delicata, perversa, limpida, geniale ed altro e di più ancora. Come ogni struttura  si regge su un suo proprio specifico equilibrio ed ha i suoi punti di criticità. Esistono alcune reazioni e modalità che si assomigliano nei diversi individui e questo comprende anche il linguaggio della follia. La follia da qualche parte è presente dentro ciascuno di noi e non sempre porta con sé quelle connotazioni destruenti e destrutturanti che siamo usi vedere negli psicotici cronici e gravi. Più che altro è una questione di soglia di tolleranza.
Erasmo Da Rotterdam, più di 500 anni fa, con una intuizione geniale e forse un pò folle per i suoi tempi,  scrisse il suo famoso "Elogio della follia", né è stato lui il solo ad essersene sentito affascinato: quando egli afferma che "in ogni genio c'è un pizzico di follia" intuisce qualcosa che secoli dopo è stato studiato ed analizzato a lungo nella storia   della medicina e della psichiatria, intuisce cioè che il folle utilizza una modalità di pensiero con meccanismi di associazione mentale insoliti e desueti, non sempre immediatamente comprensibili con gli abituali e convenzionali strumenti di una logica condivisa, ma appunto per questo, spesso creativi, artistici, avvincenti ed anche profetici e rivelatori di verità nascoste: in una parola, inaccessibili alla comune, condivisa, benpensante disciplina della logica ...
A lungo è stato studiato il linguaggio del folle: i giochi e  le insalate di parole, l'elusività, la tangenzialità, le associazioni per assonanza, la concretezza  del pensiero espressa in analogie e metafore.
Cos'altro è un delirio in fondo se non la oggettivazione e la materializzazione di quanto siamo abituati a considerare una interiorità emozionale?

Esiste nella follia una profonda verità che trascende i limiti delle nostre capacità di pensiero e travalica la soglia dell'inconoscibile.
Giocoso, ingegnoso, semiserio, non si prende sul serio: ci è e un pò ci fa, sarà quel che sarà poi di nuovo passerà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola