Lunedì di passione

24/06/2013

Fermi e zitti! Non parlate, so già cosa state per dire: "non era il venerdì quello di passione?".
Non sono sicura: potreste anche aver ragione, non mi ricordo, del resto si tratta di cose vecchie e nella vita tutto cambia dall'oggi al domani, figuriamoci in 2.000 anni.
Certo duemila anni fa e passa sarà stato pure di venerdì, come voi dite, ma ora è di lunedì, sempre perché la domenica è festa e per molti anche il sabato.
Iddio si riposò la domenica, ma se avesse potuto riposarsi anche il lunedì la cosa non gli avrebbe fatto mica schifo: è che la gente lo chiama in continuazione per questo e quello, manco ce lo avessero a tutto servizio, ma lui di lunedì c'ha mal di testa e nella sua bontà infinita, preferirebbe tuttavia non avere rotture di scatole.
Naturale! Ma oggi poi tutti aspettano la sentenza, manco quella divina, ma terrena per Silvio Berlusconi e Boccassini non si è presentata, avrà avuto mal di testa anche lei: effetti della intossicazione da piombo a furia di rigirarsi certe lettere tra le mani. Lei avrà pensato: vada come vada, meglio non farsi trovare nei paraggi. Intanto la gente prega chi in un modo e chi nell'altro, tanto che con tutta l'onnipotenza di questo e pure di quell'altro mondo ad accontentare tutti non è affare da poco: figurarsi i giudici togati che se gli levi la toga restano nudi come vermi sulla terra.
Non tutti saranno contenti, anzi forse proprio nessuno, a prescindere!

E così tutto è nelle mani del Signore,  quale che sia il giudizio dei magistrati, che se pure uno non lo vuole sapere lo deve sapere per forza e la cosa va in mondovisione.
Roba assai succosa: concussione e prostituzione minorile. Un uomo di Stato: pensa te!
Ma cosa cambia? Quel che è stato è stato, ormai e le ragazze sono tenute bene e foraggiate a dovere: certo non sono loro a lamentarsi, che anzi tutte si dicono perdutamente innamorate, tant'è l'amore è cieco, come sanno tutti,  e pecunia non olet notoriamente (specie ai nostri politici la cosa è notoria) appunto.
Fermiamoci a guardare la corsa forsennata a chi riesce a dirlo prima: assolto o condannato, che volete che sia? Il popolo ha già scelto Barabba e questa è una roba di quelle che pure gli fanno attaccare il mal di testa al padre eterno e sta lì sempre a domandarsi: cosa avrò sbagliato? 
Per lui non c'è nessuna risposta, solo il canto degli angeli, di cui manco si conosce il sesso, tanto che sono disinteressati all'argomento e invece in terra non si parla d'altro.
Dicono che il governo è appeso al filo della sentenza e gli tocca l'agilità acrobatica del funambolo che ha attraversato il Grand Canyon: l'avete sentita? Figurarsi Letta con la sua faccia di mite chierichetto, sulla corda a quel modo: che cattiveria! Ci sta che chierichetto e buono sull'IVA non arretra, ma sì,  morto di fame in più, morto  meno, lui va per la sua strada e tutto di conseguenza che quest'IVA non si sa chi la vuole: Letta rimanda a Berlusconi e Berlusconi a Monti, fatto sta che dopo aver promesso mari e monti lo metteranno sempre a quel servizio a chi lavora, donnina più donnina meno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola