Prosa lirica al cielo

07/06/2013

Guardando fisso il cielo a volte, può accadere di non  riuscire a percepire niente altro, come se i confini dello sguardo potessero restringersi:  allora le antenne sui tetti somigliano agli alberi di un veliero antico,  svettando oltre i riverberi di luce sulle matasse dei tumuli, raccolti proprio lì  ad accompagnare l'avventurosa traversata di una sensazione, che ora  si allontana trainandoti impercettibilmente a galleggiare nell'aria come sul mare dei pensieri.
Fino a quando prorompe il fiotto  di raggi velati, appena sfuggiti da un piccolo squarcio a disegnare  il ponte divino: un sentiero di luce che  investe la mente, ma pure la inchioda al suo fazzoletto di terra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola