Ricetta di dessert semifreddo: Creme alla frutta

30/06/2013


Anche oggi partiamo dal presupposto che, essendo domenica, voi dobbiate produrvi nella preparazione di un dolce per la gioia di grandi e piccini. Le/i  più bigotte/i  tra voi mi domanderanno: ma Dio al settimo giorno non si riposò? Certo che sì, ma perché? Cos'è questa superbia, siete forse Dio voi? No? Allora al lavoro!
Voi conoscete la parabola di Marta e Maria, vero? Bene voi siete Marta e non biasimate nessuno, specie coloro in fase, diciamo così contemplativa ... perché quello è un altro modo di servire il signore, per il momento voi vi apprestate a far godere il palato dei vostri familiari, mentre loro si danno alla meditazione nullafacente della domenica pomeriggio.
Non vi crucciate: nell'aldilà voi andrete nel paradiso delle "signore che vanno di fretta" cioè delle madri, come le descrive il papa  e loro invece  nel girone infernale dei golosi. Avrete la vostra vendetta! Almeno fateli godere in terra, poverini!

Il mio quadernetto (vademecum) parla di una crema di fragole, ma a giudicare dalla preparazione direi che potete farla con qualsiasi tipo di frutta purché sbucciata e frullata.
Prima di tutto prepariamo un crema pasticciera: vi ricordatate come si fa?
Prendete mezzo litro di latte, quattro cucchiai di zucchero due cucchiai di farina setacciata, quattro tuorli d'uovo, scorza di limone e 300 gr. di fragole.
Procedete: mescolate in un bollitore zucchero e farina, aggiungete i tuorli d'uovo montati a schiuma, mescolate, quindi sempre mescolando aggiungete gradualmente il latte ed infine una scorza di limone intera.
Portate il composto sul fuoco   e continuate a mescolare fino alla ebollizione: a questo punto la crema si è addensata. Togliete la scorza di limone. Se siete stati bravi non ci sono grumi, in caso contrario setacciate (e fa lo stesso).
Lasciate raffreddare la crema e quando è ben fredda incorporate mescolando le fragole frullate fino a che il composto sia omogeneo. Lasciate riposare in frigo per qualche ora, poi potete preparare le coppe e guarnire con panna montata, qualche fragolina fresca e biscottini tipo mini savoiardi.
Credo si possa preparare anche con ananas, albicocche e pesche (sempre sbucciare e frullare la frutta).

Ora accomodatevi e godetevi il vostro momento contemplativo: lo avete meritato! Anche in terra, talvolta ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola