Passa ai contenuti principali

Le donne (e la misoginia) nei proverbi

Non per essere insistente, ma, come si dice: "'A fissazione è peggio d'a malatia", fatto sta che mi è saltato questo pallino dei proverbi e mi sa che vi toccherà sopportarmi per un pò di tempo ....
Oggi selezioniamo qualcuno dei famosi proverbi che riguardano il gentil sesso (che poi saremmo noi donne) e cerchiamo di corredarli con qualche storia e qualche  riflessione. Delle donne si sono sempre dette molte cose, ben poche delle quali lusinghiere in verità.
Soffermiamoci su questo:
"'A fatica d'a femmena s'a magna 'o ciuccio"

Questo modo di dire, ricordato anche nel nostro solito Wikiquote era ben noto alla mia nonna, colei che mi trasmise il nome di battesimo, non potendo fare di meglio giacché quando io nacqui non si usava trasmettere cognome lungo la linea matriarcale, ma il nome si! Secondo la leggendaria versione della nonna, c'era una volta una coppia di contadini: il marito, per carità, era un gran lavoratore ed ogni mattino si levava all'alba per recarsi nei campi ora ad arare, ora a seminare o raccogliere, potare e insomma a fare tutto quello che è necessario perché il terreno dia frutti. Il pover'uomo tornava a casa sfinito alla sera, si lasciava andare sulla sedia e pretendeva che la moglie lo servisse in tutto. La donna a sua volta, si era svegliata col marito ed aveva lavorato l'intera giornata, curando l'orto, governando gli animali nella stalla, pulendo la casa, portando l'acqua dalla fontana, facendo il bucato e preparando cena in attesa che l'uomo tornasse, così di fronte alle pretese sempre più numerose che questi avanzava, pretendendo la servitù dovuta al prete all'altare, un giorno gli disse:
"Io capisco che tu sia stanco del lavoro nei campi, ma non credere che io stia qui con le mani in mano: anch'io ho lavorato tutto il giorno ed ho la schiena spezzata!".
Il marito incredulo obiettò:
"Ma che lavoro puoi aver fatto se sei rimasta a casa?"
Lei si diede a fare l'elenco, ma lui ribatté:
"facciamo in questo modo: per ogni lavoro che fai durante il giorno metti un filo di fieno nel buco del muro che c'è nella stalla. Alla sera al mio ritorno io potrò capire subito solo guardando il buco quanto faticosa sia stata la tua giornata!".
La contadina fece proprio come le aveva suggerito suo marito, ma alla sera quando andò ad infilare l'ultimo filo di fieno  con grande sorpresa si accorse che il buco poco prima colmo era ora completamente pulito: l'asino aveva mangiato tutto il fieno ed ella non fu in grado di dimostrare al marito la fatica della sua giornata!
Per questo si dice che "'A fatica d'a femmena s'a magna 'o ciuccio"  intendendo in pratica che il lavoro della donna non vale nulla e non può essere riconosciuto(tant'è vero che ancora oggi nessuno lo paga come si dovrebbe): si tratta di un modo di dire antico ed ancora in uso che ci offre la misura esatta della considerazione di cui per secoli hanno goduto le donne nella cultura patriarcale.

Commenti

  1. E' vero, questo dà un punto in favore delle donne... ma non montiamoci la testa però, su, su, a lavorare!... :-)

    RispondiElimina
  2. :P non ho altro da dire, caro lei!! ;-)

    RispondiElimina
  3. Post molto simpatico,complimenti :)
    ----------------
    Ti aspetto da me se vorrai scoprire Omaggi,promozioni,concorsi.recensioni di prodotti vari ecc
    http://bellaprova.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Grazie! Perché no? Passerò a dare un'occhiata, grazie :-)

    RispondiElimina
  5. Un mio Cliente, mi raccontò un proverbio in dialetto piemontese di cui ricordo il significato e vagamente come si pronuncia non sapendolo comunque scrivere...
    E' un po' volgare, e quindi uso termini più educati : "tira di più un pelo del pube (femminile) che una coppia di buoi"
    Mentre i tuo è stupendo. :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La globalizzazione del pettegolezzo e la spettacolarizzazione del dolore

Mio nonno diceva: "Cala il bastone e volano gli stracci". Un proverbio antico, attinto all'atavica saggezza popolare, che contiene una verità profonda. Quando cala la scure moralizzatrice dall'alto degli scranni mediatici dei nostri intellettuali, manco a dirlo, volano gli stracci! Ora mi è capitato di leggere questi sermoni moralizzatori a proposito della penosa vicenda di cronaca accaduta ad Ischitella in provincia di Foggia, dove si è consumata la più feroce vendetta trasversale da parte del solito uomo che ha ucciso la figlia quindicenne della ex compagna, rea di averlo lasciato e di essersi poi resa irreperibile per sfuggire alle persecuzioni dell'ex. 
Lui si è poi suicidato, sottraendosi quindi alla giustizia umana, mentre la madre ha manifestato rabbia e dolore sui social, facebook per l'esattezza, complice il profilo pubblico (che facebook propone in automatico, salvo scegliere poi opzioni diverse). La donna inoltre (udite, udite!) si è prestata anche …

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

22 Settembre: Equinozio d'Autunno

Siamo abituati a pensare che l'autunno inizi il 21 settembre, perché così vuole il nostro calendario ufficiale. In realtà invece, il calendario che usiamo è un po' sfasato rispetto all'anno astronomico (che corrisponde alla durata del giro di rivoluzione della terra intorno al sole) ed è per questo che ogni quattro anni dobbiamo aggiungere il 29 febbraio per recuperare una migliore corrispondenza tra il calendario ufficiale e quello astronomico. In realtà l'autunno comincerà oggi, esattamente alle 22,02 nel nostro fuso orario perché esattamente in quel momento i raggi del sole cadranno perpendicolarmente all'asse terrestre all'equatore. 
Google ci ha ricordato l'evento con un simpatico doodle animato: un topino con la gola avvolta in una sciarpetta rossa, che saltando su un tappeto di foglie secche finisce per infilarsi nella sua tana al calduccio a bere una tisana bollente. Questo è un piccolo vantaggio della informatizzazione perché fino a non moltissimi…