Suocere e donne ingombranti

Ha suscitato parecchie polemiche la locandina pubblicitaria scelta dall'impresa che si occupa della raccolta dei rifiuti a Palermo, la Rap partecipata del Comune: una donna di mezza età e  di taglia abbondante, armata di mattarello e legata ad altri ingombranti da smaltire come rifiuti domestici.
Nel manifesto pubblicitario la Rap assicura che basta una telefonata per vedere arrivare il furgoncino pronto al ritiro degli ingombranti, quasi tutti...
Immediata l'associazione con la suocera, benché dalle statistiche risultino le mogli quelle più frequentemente fatte fuori dagli intolleranti di famiglia, del resto si sa: ogni donna è una suocera  in erba. Al manifesto hanno fatto seguito proteste in rete ed in sede comunale da parte di alcuni consiglieri. Il presidente della Rap dice che il messaggio appartiene ad un "linguaggio semplice" e non è stato capito: in fondo, certo, si voleva solo scherzare...

Curioso che l'immagine dell'anziana signora legata al vecchio frigorifero richiami in accostamento analogico quella della vecchia strega legata al palo in cima al rogo, dove i nostri antenati poco  attenti alla produzione di inquinanti ambientali, l'avrebbero bruciata, avendola o meno strangolata prima a seconda della pietà o cattiveria del carnefice di turno.
Anche la strega da bruciare era vecchia, insomma non più sessualmente fruibile, in genere anche ingobbita perché di solito intenta alla ricerca e selezione di erbe medicinali: erano erboriste le streghe e perciò possedevano la sapienza ed il potere dei primi medicamenti e veleni conosciuti, per questo veniva loro attribuito un potere magico, inviso agli oscurantisti che non tolleravano il prestigio e l'ascendente che esse potevano esercitare nell'ambito della propria piccola comunità.

Nessuno avrebbe scherzato piazzando una donna bella, giovane e formosa legata al vecchio frigo: il messaggio (scontato) è che una donna non più sessualmente fruibile diventa un oggetto inutile ed ingombrante di cui liberarsi.
Tutto questo proprio all'antivigilia della befana, la strega per eccellenza: ma state tranquilli provvederà la befana stessa a punire Sergio Marino, il presidente Rap, e con linguaggio altrettanto semplice ci auguriamo che voglia scherzosamente donargli cenere e carbonelle in quantità, ma soprattutto una generosa, benevola e divertente tripla dose di legnate (meritatissime).

Commenti

  1. Un tantino fuori luogo, non ti sembra amico mio?
    Ci si può anche ridere sopra, per carità, ma allora lo suocero dove lo mettiamo?
    Un abbraccio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poveri vecchietti Nella: ma lasciamoli in pace a godersi la loro pensione suoceri e suocere... ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  2. Un tantino fuori luogo, non ti sembra amico mio?
    Ci si può anche ridere sopra, per carità, ma allora lo suocero dove lo mettiamo?
    Un abbraccio serale!

    RispondiElimina
  3. Clara, il buon senso e il bun gusto non sono in vendita!!!!!!!!
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buon gusto soprattutto, Patricia... che ci vuoi fare?
      A presto, buona notte.

      Elimina
  4. Clara, il buon senso e il bun gusto non sono in vendita!!!!!!!!
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buon gusto soprattutto, Patricia... che ci vuoi fare?
      A presto, buona notte.

      Elimina
  5. I nonni sono preziosi .......suocere
    suoceri......ahahah!!!!!!!!!!
    Bella questa.....!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, Marzia, ma sembra che questo non conti.... per la Rap almeno!

      Elimina
  6. I nonni sono preziosi .......suocere
    suoceri......ahahah!!!!!!!!!!
    Bella questa.....!!!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

L'altalena (poesia)

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia