Passa ai contenuti principali

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

foto di Vin.cen.
L'amicizia è un argomento poco studiato a livello medico-scientifico: fino ad oggi infatti, gli studi delle relazioni umane sono stati prevalentemente focalizzati sulle dinamiche interne ai nuclei familiari, presumendo, a giusta ragione peraltro, che siano proprio questi i rapporti che improntano la personalità degli individui. A parte generiche asserzioni sull'importanza di una  ricca rete sociale di supporto rispetto al generale benessere dell'individuo, poco è stato studiato in forma specifica sull'impatto che, l'amicizia nel senso positivo del termine, può avere sul carattere e sui vissuti soggettivi di una persona. Si è detto quasi tutto sulle relazioni negative, caratterizzate da bullismo e/o condizionamenti fondati sulla esigenza del singolo di identificazione al gruppo di appartenenza, pressioni sociali che nel peggiore dei casi sconfinano nel plagio mentale, ma ben poco fino ad oggi è stato scritto o studiato sul valore positivo dell'amicizia.

Questi orientamenti dell'interesse scientifico corrispondono ad un clima culturale, proprio dei nostri tempi essenzialmente caratterizzato dalla diffidenza, dall'individualismo e dalla paura  dell'estraneo: sul piano sociale e politico una tale tendenza è in sintonia con i nazionalismi e la xenofobia. Per tutti questi motivi suscita molto interesse la ricerca della dr.ssa Rebecca Graber della Università di Bringhton che ha svolto uno studio statistico attraverso la somministrazione di questionari strutturati, per indagare l'influenza che la sana amicizia ha sullo sviluppo della  resilienza negli adulti. Per resilienza si intende la capacità di riorganizzazione che  una persona riesce ad esprimere a fronte di difficoltà, cambiamenti importanti e/o fatti traumatici della propria vita. 

Il lavoro è intitolato appunto: possono i migliori amici promuovere la resilienza psicologica negli adulti? Si tratta di uno studio svolto nell'ambito di attività di supporto a persone socialmente isolate: sono stati reclutati 185 adulti in parte attraverso social network, in parte nell'ambiente universitario ed in parte utilizzando appunti gruppi di sostegno sociale per le persone sole. L'intervista è stata poi ripetuta ad un anno di distanza per verificare in che modo l'acquisizione di positivi rapporti di amicizia avesse modificato le capacità di resilienza degli individui. Secondo i ricercatori, lo studio ha fornito evidenze che realmente l'amicizia migliora la resilienza negli adulti, rappresentando una forma di protezione per il benessere psichico degli individui.

Commenti

Post popolari in questo blog

La globalizzazione del pettegolezzo e la spettacolarizzazione del dolore

Mio nonno diceva: "Cala il bastone e volano gli stracci". Un proverbio antico, attinto all'atavica saggezza popolare, che contiene una verità profonda. Quando cala la scure moralizzatrice dall'alto degli scranni mediatici dei nostri intellettuali, manco a dirlo, volano gli stracci! Ora mi è capitato di leggere questi sermoni moralizzatori a proposito della penosa vicenda di cronaca accaduta ad Ischitella in provincia di Foggia, dove si è consumata la più feroce vendetta trasversale da parte del solito uomo che ha ucciso la figlia quindicenne della ex compagna, rea di averlo lasciato e di essersi poi resa irreperibile per sfuggire alle persecuzioni dell'ex. 
Lui si è poi suicidato, sottraendosi quindi alla giustizia umana, mentre la madre ha manifestato rabbia e dolore sui social, facebook per l'esattezza, complice il profilo pubblico (che facebook propone in automatico, salvo scegliere poi opzioni diverse). La donna inoltre (udite, udite!) si è prestata anche …

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

22 Settembre: Equinozio d'Autunno

Siamo abituati a pensare che l'autunno inizi il 21 settembre, perché così vuole il nostro calendario ufficiale. In realtà invece, il calendario che usiamo è un po' sfasato rispetto all'anno astronomico (che corrisponde alla durata del giro di rivoluzione della terra intorno al sole) ed è per questo che ogni quattro anni dobbiamo aggiungere il 29 febbraio per recuperare una migliore corrispondenza tra il calendario ufficiale e quello astronomico. In realtà l'autunno comincerà oggi, esattamente alle 22,02 nel nostro fuso orario perché esattamente in quel momento i raggi del sole cadranno perpendicolarmente all'asse terrestre all'equatore. 
Google ci ha ricordato l'evento con un simpatico doodle animato: un topino con la gola avvolta in una sciarpetta rossa, che saltando su un tappeto di foglie secche finisce per infilarsi nella sua tana al calduccio a bere una tisana bollente. Questo è un piccolo vantaggio della informatizzazione perché fino a non moltissimi…