Tramonto sul mare

Cade il sole e si disperde la luce nel pulviscolo bruno come polvere di carbone sulla brace di fuoco vivo. Il mio sorriso segue il contorno disegnato dalla direzione dello sguardo, intento nel silenzio. Ammiro la dolcezza grandiosa e fugace, come la carezza ombrosa e fuggitiva dell'amante. Divampa il cielo ed i lembi squarciati sull'astro al tramonto. Dileguano in volo inseguite da menti confuse, immagini nitide ingoiate dal filo di seta sottile all'orizzonte. Ed il respiro è sospeso in un istante immenso e dilata il pulsare del tempo. Scorre come l'acqua di fiume, torna come l'onda increspata di spume bianche e rosate sul mare e respira: tiepida brezza leggera soffiata tra le ciocche spioventi sulla candida fronte. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il primo appuntamento

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il bambino epilettico a scuola

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?