Corruzione quotidiana: i dati Istat

Per la prima volta l'Istat svolge una indagine sui fenomeni corruttivi in Italia: l'aspetto interessante è che non si tratta di uno studio sui grandi fenomeni corruttivi, quelli di cui parlano i media e che riguardano personaggi politici, istituzioni bancarie e grandi aziende, ma della piccola corruzione quotidiana, quella in cui a ciascuno di noi può capitare di imbattersi e che certamente rappresenta l'humus culturale, il costume sociale sul quale poi prosperano i grandi fenomeni corruttivi, che hanno consumato ed erodono oggi più che mai le risorse del nostro paese.

La piccola corruzione quotidiana durante il biennio 2015/16 ha coinvolto in Italia 1,742 milioni di famiglie: complessivamente il 7,9% di tutte le famiglie sul nostro territorio, che hanno ricevuto richieste di denaro o favori in cambio della erogazione di servizi o agevolazioni. A livello regionale il Lazio è in testa per i fenomeni corruttivi: qui la percentuale arriva al 17,9% mentre la cosa è meno diffusa in altre regioni con la provincia autonoma di Trento, fanalino di coda al 2%. Maggiormente compromesso l'ambito che riguarda il lavoro nelle fasi di ricerca  come partecipazione a concorsi o avvio di attività (3,2% delle famiglie). Segue il settore giustizia con richieste di denaro da parte di avvocati, cancellieri, testimoni, giudici e pubblici ministeri (2,9% delle famiglie). Al terzo posto nella graduatoria della vergogna le istituzioni che si occupano di assistenza, sussidi, pensioni di invalidità ed altro (2,4% delle famiglie). I tutori dell'ordine gravano sull'1% delle famiglie e scuola ed istruzione per lo 0,6%. "Solo" lo 0,5% delle famiglie infine ha dovuto affrontare vessazioni di questo tipi per forniture di energia, allacci, volture ed altro. 

Nel 70,6% dei casi la richiesta parte dall'impiegato interessato, in forma chiara e diretta (38,4%) o implicita,  lasciandolo intendere (32,2%) solo nel 13,3% dei casi fa capolino un mediatore... Solitamente viene preteso denaro (60,3%) ma anche favori, nomine o altro. Inoltre quasi un ulteriore 10% delle famiglie (il 9,7%) ha dovuto effettuare visite in studi privati per riuscire poi ad accedere ad un servizio pubblico! Queste situazioni , pur non essendo inquadrabili per la legge italiana come casi di corruzione, rappresentano comunque condotte improprie e peraltro considerate francamente di tipo corruttivo negli ordinamenti giuridici di altre nazioni. Se  sommiamo questo 9,7%  all'altro 7,9% arriviamo circa al 18%: due famiglie su dieci in pratica, che hanno pagato con le proprie tasche il malcostume imperante. 

Nelle regioni centrali il fenomeno appare maggiormente diffuso con l'11.6% dell famiglie coinvolte, al sud arriviamo al 9,6% seguono poi  il 5,9% nel nord-est ed il 5,5% nel nord-ovest. Sulla base di questi dati sono certamente scontate, ma obbligatorie alcune riflessioni: la corruzione in Italia non è soltanto un reato compiuto da delinquenti ed imbroglioni miracolosamente approdati sugli scranni del potere, ma piuttosto un modo di pensare diffuso e di concepire la cosa pubblica, un costume sociale che consente ai più furbi e corrotti di scalare la piramide fino alle posizioni apicali, una sorta di selezione negativa, dove... molte, veramente troppe sono le persone coinvolte dal corrotto a chi si piega, ritenendo che "così va il mondo".

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.