Quel gran pasticcio della cheesecake (ricetta o quasi)

Tutti sappiamo che la cheesecake si può fare in tanti modi... e può essere cruda e può essere cotta, ma non alla scapece, almeno non ancora (e menomale). Poi c'è a chi piace in un modo e chi in un altro e voi non sapete mai come prepararla... e ci vuole la gelatina di frutta e poi la colla di pesce, ma il vostro fornitore sotto casa queste cose non ce le ha! Così voi andate al manicomio, non che vi costi chissà quale sforzo: siete da tempo sulla buona strada, ma voi vorreste limitare il danno ed attendere l'età giusta per crearvi l'alibi dell'Alzheimer, tapini voi...lo so! 

E allora partiamo da un presupposto semplice: siccome la cheesecake non è nostrana, ma di importazione e la denominazione è inglese pare chissà quale sciccheria, ma quella è una torta di formaggio, praticamente fatta col formaggio fresco simile alla nostra cassata, che pure può essere o infornata (ed è squisita) oppure con la farcitura di crema di ricotta aggiunta a crudo. Considerate che invece del pan di spagna farete una base di biscotto sbriciolato, che invece della sola ricotta aggiungerete del formaggio spalmabile mediamente di consistenza più dura e che invece della glassa di zucchero, userete la glassa fatta con la marmellata o la gelatina di frutta. 

In questa prospettiva la cheesecke vi apparirà più familiare e riuscirete a personalizzarla secondo il vostro gusto senza particolari ansie! Ho consultato un numero imprecisato di ricette on line, essendo il glorioso quadernetto della mia mamma sprovvisto di ricetta di cheesecake, ed infine sono riuscita a preparare qualcosa che potrebbe (al vostro buon cuore!) essere denominata cheesecake cruda. Non c'è nessun bisogno di cuocerla infatti, visto che tutti gli ingredienti sono già commestibili così come sono: il vantaggio di farla cruda è che la preparazione è più semplice e veloce e piacerà, la cosa è garantita.

INGREDIENTI
Vi diranno che vi servono panna acida e colla di pesce: voi fate finta di niente e procuratevi uno yogurt bianco e le bustine di gelificante per marmellate. Risparmierete il pellegrinaggio per  i supermercati e l'angosciante interrogatorio dei commessi! Vi diranno che dovete usare i biscotti digestive, di cui il negozio sotto casa sarà sprovvisto: voi ignorateli e comprate solo dei biscotti secchi, 150 gr.  Trasgredite senza pietà! Dunque vi serviranno ancora un barattolo di marmellata, un mezzo Kg di formaggio fresco spalmabile e del burro, diciamo tra 60 ed 80 gr. per i biscotti ed una ventina di gr. per imburrare la teglia, poi zucchero circa 150 gr.  per la crema di formaggio, 50 gr. per la gelatina e va benissimo quello semolato, lasciate stare lo zucchero a velo ed infine carta da forno per foderare la teglia. potete usare qualche aroma per profumare la crema di formaggio.

PREPARAZIONE
Passate i biscotti per il frullatore, impregnateli bene col burro fuso mescolando in una terrina e quindi cospargeteli sul fondo di un ruoto (circa 24 cm. di diametro) preventivamente imburrato e foderato con carta da forno. Appiattite e pareggiate uniformemente la pastocchia di biscotto premendo con le mani o con l'aiuto di un batticarne. Mettete in frigo a raffreddare per una mezz'oretta. Nel frattempo preparerete la crema di formaggio: in una terrina ammorbidite il formaggio, mescolandovi lo yogurt e lo zucchero: quando sono ben amalgamati, lasciateli per una quindicina di minuti a temperatura ambiente così da dare modo allo zucchero di sciogliersi bene e non restare granuloso. Mescolate ancora (potete assaggiare se la crema è abbastanza dolce per il vostro gusto) nel caso vi sembrasse troppo dura aggiungete un goccio di panna. A questo punto prendete il ruoto con la base di biscotto e versatevi la crema, avendo cura di spalmarla uniformemente in modo che abbia lo stesso spessore in ogni punto. Rimettete in frigo e datevi da fare con la glassa: in un pentolino versate la marmellata (io ho usato quella di fragole) un paio di bicchieri di acqua, lo zucchero e la bustina di gelificante. Girate poi sul fuoco fino a portare ad ebollizione, spegnete e continuate a girare finché non sia scomparsa la schiuma. Lasciate raffreddare ragionevolmente non potete mettere roba troppo calda sulla crema di formaggio! Quando la gelatina comincia a rapprendersi prendete la torta dal frigo e delicatamente con l'aiuto di un cucchiaio cospargete la superficie con la gelatina. Mettete in frigo e lasciate raffreddare bene per 3-4 ore, sformate la torta, se volete decorate con pezzi di frutta fresca, affettate e mangiate prima che la facciano fuori gli altri, lasciandovi a bocca asciutta! Buona fortuna.

Commenti

  1. Buona! E ottimo l'ultimo consiglio 😊
    In genere cerco di seguire la ricetta passo passo ma se non trovo un ingrediente o uno di questi nonmi piace, cambio senza rimorsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto mi son copiata la ricetta e alla prima occasione.... :)

      Elimina
  2. Ciao Clara, Io uso le ricette della cheesecake ai frutti di bosco e quella al limone di giallo zafferano e mi vengono spaziali, però ammetto che vado a fare la spesa alla carrefour che è vicina ed ha tutto quello che mi serve. Comunque, da che mondo è mondo, le ricette vanno cambiate, interpretate per dare sempre quel tocco proprio. Certo, magari senza esagerare con cose troppo improbabili, ma perché limitarsi a seguire le regole scritte pure in cucina?
    Un abbraccio cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh per me si è trattato di un primo esperimento: rifacendola ho ottenuto risultati migliori ;) ma anche la prima non era male....

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema

Dalla parte dei bambini