Torre Del Greco: stalker a 19 anni

Alcuni quotidiani locali ieri hanno passato la notizia di un ragazzo di soli 19 anni, arrestato  a Torre Del Greco perché aggrediva in strada la fidanzatina o forse la ex fidanzatina appena sedicenne, minacciandola di morte. All'arrivo delle forze dell'ordine il giovane ha cercato di disfarsi di un coltello, che però i militari hanno recuperato insieme poi ad altre armi da taglio e ad una mazza da baseball rinvenuti nella conseguente perquisizione domiciliare. Nessun nome, nessuna coordinata di tempo e luogo: i ragazzi, specialmente la ragazza, ancora minorenne, vanno tutelati ed è giusto così, anche se  un tale riserbo rende di fatto non verificabile la notizia. L'aggressore è stato poi tradotto nel carcere di Poggioreale e la ragazza, liberata dall'incubo, ha confidato alle forze dell'ordine una storia di persecuzioni e maltrattamenti.

Malgrado sotto il profilo giornalistico la notizia sia carente delle abituali coordinate (dove, quando, chi, cosa) nessuno, me compresa, ha fatto fatica a crederci: sono situazioni frequenti,  anche per strada, quelle in cui accade di assistere a litigi di coppia, talvolta anche violenti, ma nei quali, a parte la polizia, difficilmente qualcuno interviene. A Torre Del Greco se picchiate un cane in strada sarete  immediatamente denunciati, ma se invece picchiate vostra moglie, figlia o fidanzata, allora sono fatti vostri nei quali nessuno si sente in diritto di interferire. 

Mi torna in mente un episodio al quale mi è capitato di assistere diversi anni fa: una coppia di giovanissimi litigava sulla pubblica strada, lui era aggressivo, la strattonava,  ha afferrato il cellulare che la ragazza aveva in mano (forse cercando di chiamare qualcuno) e lo ha scaraventato a terra. Era uno di quei vecchi cellulari, uno di quelli che si smontano cadendo, ma non si rompono. Mi fermai, raccolsi il cellulare e lo rimontai, lo porsi alla ragazza, rimproverai il giovane, che naturalmente mi invitò aggressivamente a farmi i casi miei (con linguaggio meno forbito del mio in verità). La ragazza tremava, aveva paura, ma sul momento non mi disse di andare via: non si comprendeva bene il motivo della lite, ma da quel poco che riuscii ad intuire, la ragazza voleva tornare a casa propria, protestando la necessità del suo rientro, mentre lui voleva forzarla ad andare con lui da qualche altra parte... 

Rimasi lì finché non fu la ragazza stessa a dirmi che potevo andare e che tutto era a posto, anche se forse, a ben pensarci adesso, me lo diceva solo per paura: la violenza non è mai un affare privato, non solo se compiuta contro un animale indifeso, ma anche se compiuta contro una creatura umana indifesa, donna o bambino che sia. Su questa cultura omertosa del farsi i casi propri e sulla cultura della sopraffazione prosperano i bulli e le violenze private, sempre difficili prima da riconoscere e poi da denunciare. 

Le vittime di bullismo non denunciano perché è umiliante sentirsi deboli e sentirsi vittime, le donne e le ragazze non denunciano per paura del peggio e perché in fondo credono che sia parte della natura maschile la forza e la forza di un uomo è una caratteristica che abitualmente una donna ammira, ma care ragazze, non è forza quella di un uomo violento: la forza quella vera è la forza che protegge, l'uomo veramente forte vi protegge, è quello debole invece, che vuole sopraffarvi: basta un bambino di 7 anni per sopraffare un piccolo di 4 anni, ma occorre un uomo di 30 anni per proteggere lo stesso bambino di 4 anni. Capita la differenza?

Commenti

  1. Si capisce eccome! La si dimentica facilmente però.
    Che poi per intervenire basta prendere il cellulare e chiamare 112 o 113 .
    Noi parliamo tanto dei fondamentalisti islamici,di come considerano nulla assoluto le donne. Se guardassimo quelli nostrsni chr a volte fanno altrettanto? A volte... mi pare che ogni giorno peggiori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è un brutto periodo: se ne sentono ogni giorno, anche oggi un'altra ragazza conciata male dopo una serata con gli amici che dicono di averla lasciata sola...

      Elimina
  2. Ciao cara,
    Non avevo sentito questa notizia. Mi lascia davvero senza parole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... ci sarebbe tanto da dire, ma alla fine non serve parlare: bisogna agire, cominciando dai programmi educativi scolastici, purché i reazionari sessisti la smettano di rompere col terrorismo gender... se puoi capirmi!

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema

Dalla parte dei bambini